Basilica di Sant'Ambrogio, Oratorio della Passione

Piazza Sant’Ambrogio, 15
20123 Milano

Visualizza la mappa

Per informazioni:
Tel. 02 86450895
santambrogio@chiesadimilano.it

Risanamento degli intonaci e restauro degli affreschi

A partire dal lato storico per cui si sa che la facciata dell’Oratorio di Santa Maria della Passione è opera moderna dell’Arch. Adolfo Zacchi, allora architetto della Veneranda fabbrica del Duomo, che rifacendola chiuse anche tre poste nella fascia di parete tra la porta e il grande finestrone superiore, si è cercato di capire – in modo indiziario – la storia dell’evoluzione di questo piccolo luogo di culto. Conosciamo dalla documentazione dell’Archivio Capitolare della Basilica di Sant’Ambrogio che, durante i restauri del secolo XIX venne riaperta la visibilità del cortile abbattendo una casa che si addossava ala muratura dell’Atrio di Ansperto, là dove oggi c’è la cancellata di accesso all’oratorio stesso. Possediamo i progetti dell’Arch. Zacchi che negli anni ’30 del secolo scorso ridisegnò un aspetto quattrocentesco sia al portico che alla casa che si pone in fregio alla piazza. Come, quando e perché si riproposero delle decorazioni architettoniche alle pareti laterali; perché siano incisi nell’intonaco fresco dei segni che rimandano alla supposta presenza di finestre; perché la parete sinistra mostri un non perfetto allineamento, questi ed altri interrogativi hanno accompagnato questa campagna di restauro.